La pizza conquista Roma e incontra l’alta cucina

Città della Pizza: migliaia i visitatori – dai bambini che sono stati coinvolti in laboratori e assaggi ai turisti stranieri – che hanno affollato gli ampi spazi dell’ex caserma militare trasformati in una grande “pizzeria” dove i forni e le friggitrici non hanno mai smesso di essere caldi e invasi dal profumo irresistibile di Margherita&co. fotografia di Alberto Blasetti fotografia di Alberto Blasetti fotografia di Andrea Di Lorenzo Nonostante le lunghe file (in alcuni momenti della giornata), l’atmosfera è stata quella di una grande festa per tutti, mantenendo lo spirito popolare e conviviale che è alla base della pizza. Dunque spazio a giochi e biliardini, tavoli e panche di recupero realizzati con i pallet e gelati e bibite gassate oltre a Prosecco e birra Baladin, perché la pizza non è mai snob. fotografia di Andrea Di Lorenzo fotografia di Alberto Blasetti Ma quando si va ai fatti, dimostra di saper essere “gourmet”, o quanto meno buonissima, in ogni sua versione che sia semplice o elaborata: ognuno dei pizzaioli che si sono alternati ai forni nei tre giorni della manifestazione aveva infatti tra le sue proposte una “classica” – marinara o margherita che fosse, o una versione “base” della pizza fritta – a cui ha affiancato un “cavallo di battaglia” del proprio locale e una pizza creata appositamente per la manifestazione. fotografia di Andrea Di Lorenzo fotografia di Alberto Blasetti fotografia di Alberto Blaset[...]

Articoli correlati

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>