Il Sudamerica sbarca a Lisbona con la Cantina Peruana firmata da Diego Muñoz e José Avillez

Instancabile Avillez. Il bistellato portoghese che da un paio di lustri a questa parte sta mettendo mano alla cucina lusitana rimodellandola e portandola verso nuovi orizzonti, ha ormai creato un vero e proprio impero di locali che ha certamente come massima espressione la tavola del Belcanto a Lisbona, ma può poi contare su una serie di indirizzi gustosi con caratteristiche ben precise, che passano dalle tapas alla portoghese alla rappresentazione e al racconto della tradizione culinaria della città. Magari legandoli a un sottile piacere culturale che di tanto in tanto sfiora il fado e la letteratura di queste latitudini. L’espressione più recente di tutto questo è sicuramente il Bairro do Avillez, grande spazio ubicato nel quartiere centrale del Bairro Alto, nato un anno fa e subito entrato nel cuore della popolazione locale così come di una nutrita schiera di avventori stranieri, colpiti dal rigore e dalla genuinità con la quale si vuole raccontare il mondo di Lisbona a tavola e non solo. Nel corso dei mesi però, e José Avillez ce lo aveva accennato con largo anticipo, il locale era destinato a modificarsi pur non svilendo la sua originaria identità. Gli spazi sono davvero enormi in questo antico palazzo, così il cuoco originario di Cascais aveva solo l’imbarazzo della scelta su come renderlo più vivace e interessante, con un paio di buone idee da sviluppare. La prima, qualche mese fa è stata quella di Beco, un cabaret gourmet nascosto in una sala, qu[...]

Articoli correlati

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>