Crescenzo Scotti e il Flauto di Pan, raffinata cucina mediterranea nel secolare parco di Villa Cimbrone

1904. Ernest William Beckett, secondo barone di Grimthorpe, acquisisce uno storico complesso di Ravello e lo trasforma nel parco di stampo anglosassone più importante del Mediterraneo. Fotografia di Roberto Vuilleumier Fotografia di Roberto Vuilleumier Passeggiando immersi nella natura più lussurieggiante possiamo scoprire ancora oggi una grotta, un chiostro, una cripta e soprattutto, un ampio terrazzo panoramico a picco sul mare che domina l'intera Costiera Amalfitana. La villa padronale prende il nome dal romano "Cimbronium" ed appartiene alla famiglia Vuilleumier dopo esser stata dimora nobiliare fin dalla sua fondazione intorno al 1200. Fotografia di Roberto Vuilleumier Fotografia di Roberto Vuilleumier Oggi vi troviamo un albergo di lusso con ristorante gourmet, Il Flauto di Pan, guidato dallo chef Crescenzo Scotti, allievo dei pluristellati Massimiliano Alajmo, Nino di Costanzo ed Emanuele Scarello. Fotografia di Davide Ricciardiello Si inizia col cappuccino d'astice, un piccolo capolavoro di gusto e creatività, servito in un bicchiere trasparente per goderne appieno le varie stratificazioni di crostaceo scottato, crema di patate con salsa di soia e polvere al nero di seppia. Fotografia di Davide Ricciardiello La montanarina è preparata con strutto e fritta in olio extravergine d'oliva a 170°. In seguito viene condita con burrata, pesto di basilico, crudo di scampi al lime e caviale italiano. Fotografia di Davide Ricciardiello L'affumicatore a[...]

Articoli correlati

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>